Il Chief Financial Officer: una figura fondamentale per l’azienda 14/06/2017

Il professor Dario Gentile, docente e direttore del Master in Finanza Aziendale, racconta in un’intervista, le peculiarità del ruolo del CFO e il percorso formativo e di carriera che dovrebbe seguire.

1) Quali ruoli e quali competenze sono proprie del CFO?

Il ruolo del CFO ruota intorno alle cosiddette 3C skills: calcolo, coordinamento e comunicazione. La prima è la capacità di calcolare le performance dell'azienda, la seconda è la capacità di coordinarle all'interno di un processo gestionale, la terza è la capacità di diffondere internamente ed esternamente le decisioni e gli impatti delle stesse sull'andamento aziendale.

Nonostante spesso i percorsi universitari sottovalutino le ultime due, queste 3 competenze sono sicuramente tutte ugualmente indispensabili per intraprendere la carriera del CFO.

 

2) Perché il ruolo del CFO è cruciale in azienda? 

Il CFO è essenziale per qualunque azienda voglia prendere delle decisioni razionali, basate su elementi quantitativi ed elementi organici. Grazie a un approccio organizzato, in grado di mettere insieme più variabili, un buon CFO riesce a guidare il processo decisionale con chiarezza e leadership.

 

3) Com'è cambiata la figura del CFO negli ultimi anni a livello nazionale ed internazionale? 

C'è stata sicuramente una forte evoluzione di questa figura. Da un ruolo puramente di natura contabile e amministrativa, il CFO oggi ricopre un ruolo fortemente strategico e decisionale.

Se prima si occupava quasi esclusivamente della redazione e dell’analisi del bilancio, adesso ha il compito di intervenire efficacemente in tutte le decisioni dell'azienda.

Per questa ragione è necessario che chi voglia intraprendere questa carriera non trascuri nessuna delle 3C skills citate prima.

 

4) Quali differenze esistono tra la figura del CFO all'interno di una startup piuttosto che in un'azienda consolidata?

Possiamo dire che le caratteristiche della figura sono le stesse, però in base alla fase del ciclo di vita che sta attraversando l’azienda è richiesta una ponderazione diversa. In una startup bisogna avere una maggiore capacità comunicativa e strategica, necessarie ad attrarre capitale. In un'azienda più matura assumono invece più rilevanza le competenze organizzative, di calcolo e di coordinamento che rendono il CFO capace di prendere decisioni strategiche.

 

5) Alcuni consigli professionali per un buon CFO 

È necessario che la figura del CFO abbia conoscenze approfondite e specialistiche di amministrazione, di controllo e di finanza. Il percorso di carriera di un buon CFO si focalizza sullo sviluppo di competenze trasversali attraversando questi 3 ambiti a partire idealmente da un'attività in area amministrativa o di controllo.

Dario Gentile 

Docente e direttore del Master in Finanza Aziendale e Controllo di Gestione e del Master Specialistico in Finanza Aziendale. Manager con una esperienza professionale di oltre 15 anni maturata sia nel settore finanziario con primari fondi di private equity che nel settore industriale. A 34 anni ha assunto il ruolo di Amministratore Delegato presso la oneCARE EUROPE, società partecipata dal fondo di private equity Protostar Partners per il quale ha rivestito il ruolo di investment manager. Ha esperienza di circa 10 anni come docente di primarie università italiane e società di formazione, all’interno delle quali ha ricoperto il ruolo di professore a contratto e direttore scientifico.

Master Specialistico in Finanza Aziendale